fbpx

PIER ANTONIO BACCI:

“Torniamo protagonisti delle nostre vite. È l’insegnamento più grande che ci lascia la pandemia”

“Un piccolo virus ci ha fatto riflettere e ci ha obbligato a fermarci, facendoci perdere sicurezze, abitudine, socialità e rapporti interpersonali”. Lo stesso microorganismo portatore di morte e sofferenza ci ha anche in qualche modo costretto a tornare a scoprire la bellezza della famiglia, della natura e della vita, facendoci riconsiderare l’utilità del tempo e la centralità dell’ambiente, obbligandoci a riflettere sull’epocale cambiamento scientifico e sociale che stiamo vivendo. A parlarne è Pier Antonio Bacci, Specialista Chirurgia e Malattie Vascolari, già Professore ac Università di Siena.

I principali cambi di paradigma che si sono evidenziati in questa pandemia, dall’evoluzione delle conoscenze medico scientifiche alle sofferenze della mente e dei rapporti interpersonali, dall’evoluzione dei diritti umani ai faticosi sogni di realizzazione lavorativa dei giovani sono i temi della tavola rotonda “Quale è il lascito della pandemia?”, il 26 settembre dalle ore 18.00 alle ore 19.00, con il coordinamento dello stesso Bacci.
Pier Antonio Bacci

Quali conseguenze a livello di psicologia collettiva ha portato l’emergenza Coronavirus?

I problemi psicologi costituiscono uno dei quadri più significativi di questa pandemia, durante e dopo. Le persone non erano preparate, la quarantena e la pandemia non sono nella nostra cultura di persone abituate alle libertà e alla presenza di un sistema sanitario efficiente, moderno, avanzato e protettivo. Invece un piccolo virus ci ha fatto riflettere e ci ha obbligato a fermarci, facendoci perdere sicurezze, abitudine, socialità e rapporti interpersonali. Nella nostra mentalità questo è stato un dramma che ha aumentato i suicidi, ha riportato tanti ragazzi usciti dalla droga nel nero tunnel, ha creato difficoltà familiari e ha portato adulti e bambini negli studi degli psicologi, assieme a molti operatori sanitari che hanno vissuto periodi tragici e terribili.

Ci ha lasciato anche qualche insegnamento positivo?
Certamente. Con grande rispetto per coloro che sono morti per il Covid19 e che ne sono rimasti menomati nel fisico e nella mente, e con grande vicinanza per coloro che hanno perso lavoro e sicurezze, occorre vedere anche l’altro aspetto degli eventi. Pensavamo di essere padroni del mondo e della natura, invece la natura ci ha ricordato che siamo graditissimi ospiti che hanno il dovere di avere rispetto per l’ambiente e la stessa natura, proprio per avere la possibilità di vivere meglio. In poche settimane fiumi e laghi si sono ripuliti e gli animali hanno ripreso i loro spazi, occorre riflettere su tutto questo, con serenità ma con profonda serietà. Occorre rivedere stili di vita e progetti futuri, occorre riflettere sul problema della fame, dell’acqua e dell’energia, occorre riflettere sulla gestione degli abitanti del pianeta. Occorre farlo senza ansia o estremizzazioni spettacolari, ma molto è da rivedere, e non tutto sarà piacevole perché i pedaggi da pagare saranno importanti. Il messaggio positivo è che stiamo scrivendo un’epocale pagina di storia, non possiamo delegare perché la società siamo noi: possiamo essere attori o complici, ma mai semplici osservatori.

 In campo medico, in particolare, che cosa abbiamo imparato?

La nostra società, strutturata in mondo verticale nei suoi vari aspetti, si è oggi liquefatta trasformandosi in una società orizzontale, sempre più distanziata: in alto l’élite, in basso la massa, e la forbice tende sempre più ad aumentare per la perdita di freni inibitori, di rispetto, di regole e di confini, grazie anche alla velocizzazione delle immagini e delle idee. Pensavamo che la pandemia avesse aumentato solidarietà e rispetto, tutto il contrario, perché è aumentato l’individualismo e l’egoismo, proprio per la perdita delle sicurezze. Esistono però delle sacche che si stanno distinguendo, sono quella maggioranza silenziosa, soprattutto giovani, che lentamente ritroverà il suo equilibrio e costituirà la società del futuro, perché stiamo vivendo un cambiamento che non è la fine del mondo, ma una trasformazione del mondo che conosciamo. Tutto ciò non è negativo se visto nell’interesse dell’essere umano e della sua evoluzione. La stessa medicina ha evidenziato molti limiti, riportando ricercatori e operatori a nuovi confini e nuovi sentieri. Ha soprattutto dimostrato che il corpo umano è un’entità globale in sinergia con la natura, e nella sua interezza e completezza il corpo umano deve essere studiato e curato, assieme alla mente, nelle sue caratteristiche biochimiche, biofisiche ed energetiche. Il messaggio più importante che la pandemia ci ha dato è l’invito a ciascuno a ritornare ad essere gestore della propria salute, essenziale attore nel momento preventivo.


Il fatto di essere stati messi a livello globale con le spalle al muro da un microorganismo tanto piccolo nel super tecnologico terzo millennio sancisce una sorta di demitizzazione del progresso o ci indica, al contrario, che il progresso scientifico-tecnologico è la strada per non farsi trovare impreparati in futuro?
La vita è sempre curiosa e interessante, sempre dimostra che ogni evento ha un suo perché e una sua morale. Un piccolo virus nuovo e sconosciuto in poche settimane ha distrutto le nostre sicurezze, ha incrinato la nostra vita e le nostre certezze, ha reso fragili le nostre attività lavorative e l’economia di tutto il mondo, ma questo piccolo virus ci ha permesso anche di riscoprire la bellezza della famiglia, della natura e della vita, ci ha fatto riscoprire l’immensità del pensiero e dell’amicizia, ci ha fatto riscoprire il nostro tempo e ci ha obbligato a riflettere. Questo virus ci ha obbligato a ripensare il nostro tempo, ci ha obbligato a stare più al telefono e al computer piuttosto che in società o nelle strade, questo virus ci ha improvvisamente trasformati in esseri umani capaci di creare un magnifico ponte fra realtà fisica e digitale, una trasformazione che ci ha proiettato direttamente in un domani sconosciuto e biotecnologico, dove al centro ci sarà sempre la Persona Umana con le sue emozioni, le insicurezze, i suoi sogni e la sua dignità. Per chi riesce a veder le cose e gli eventi con serenità critica è facile capire che occorre abbattere il mito del dr Google che tutto risolve, il progresso scientifico/tecnologico attuale ci ha fatto capire che non dobbiamo delegare ma invece partecipare come attori della nostra evoluzione. La ricerca andrà ancora avanti e ci porterà sempre maggiori dubbi, con alcune soluzioni. Questo è il bello della vita, ma dobbiamo essere sereni e pragmatici: esistono solo due certezze che non possiamo evitare, la nascita e la morte, per cui cerchiamo di migliorare noi stessi e fare una precisa prevenzione, aiutare ad investire in ricerca e migliorare le politiche sociali, ambientali ed energetiche … e poi dobbiamo rischiare e vivere tranquilli, senza domandarci mai, come insegna Hemingway, “per chi suona la campana”.

ORGANIZZATO DA
Fiera Roma
CON IL CONTRIBUTO DI
Regione Lazio
CCIAA Roma
Unioncamere Lazio
IN COLLABORAZIONE CON
Master Economia e Management Comunicazione e Media Università Tor Vergata
MEDIA PARTNER
logo_cusano_italia_tv
logo_cusano_italia_radio